Weekend in barca nella laguna di Venezia

Due giorni nelle magiche atmosfere lagunari consentiranno di navigare nei canali al riparo dal moto ondoso, oppure a vela in mare aperto, facilmente raggiungibile attraverso le bocche del Lido, degli Alberoni e di Chioggia. Scopriremo le ancora vitali isole della laguna, ma anche quelle isole abbandonate da tempo. Un modo affascinante per scoprire le isole della laguna sud e per rivivere la magia di Venezia vista dal mare così come la vedevano i suoi figli quando ritornavano da quei viaggi che hanno fatto grande la città. Il programma di massima sottostà a vincoli climatici, alle opportunità dei venti e alle intuizioni del momento.

Facebook Twitter Email

Difficoltà: Facile
Durata: da venerdì pomeriggio a domenica pomeriggio.
Imbarco/Sbarco: Chioggia o porti limitrofi.
Imbarcazione: sloop di 11-12 mt.
Partecipanti: barche da 4-6 persone
Accompagnatore: a bordo skipper/cuoco.

Quota individuale: € 250. Possibilità di fare più notti: 3 notti ad € 330; 4 notti ad € 430.

Cosa comprende: 2 pernottamenti, sistemazione in cabine doppie, programma di navigazione, skipper, tender, pulizie finali e assicurazione sanitaria e bagaglio.
Cosa non comprende: cambusa, carburante e marina (circa € 40 per persona), viaggio e quanto non specificato alla voce "Comprende".

Programma:

Venerdì: imbarco a Chioggia nel tardo pomeriggio, sistemazione a bordo, cambusa e introduzione all’iniziativa. Cena e a zonzo per calli e ponti.
Sabato: dalla laguna del Lusenzo inizia il viaggio per Venezia. Navigazione a vela in mare aperto e rientro in laguna attraverso il canale di lido, sosta di ristoro a bordo presso l’isola del Torcello. Due ore in libertà per visitare la chiesa piu’ vecchia di venezia del 639 DC. Rotta su Burano e un tuffo tra le calli dell’isola. Navigazione ‘in penombra’ verso l’isola di San Giorgio, tra le luci della Venezia più onirica. Qui si entra in un’atmosfera d’intense emozioni, da sempre provocate ai visitatori dalla vista dei meravigliosi monumenti che fanno da cornice a questo specchio acqueo: il Palazzo Ducale, la Basilica di San Marco e il Ponte dei Sospiri. Cena a bordo e … Venice by night.
Domenica: rotta per Sant’Erasmo e passeggiata naturalistica sulla spiaggia. Pranzo in libertà. In alternativa si esce subito in mare aperto alla ricerca del vento per provare le diverse andature e quindi sosta all’ancora per un bagno e per il pranzo. Sulla via del ritorno, si costeggia l’isola di Pellestrina, rimirando i cromatismi delle sue case, godendone le variegate sfumature. Quale miglior suggello ad un week-end in navigazione tra il sogno e la realtà?