Stintino e il parco nazionale dell’Asinara

A bordo della magnifica barca a vela Superior veleggeremo fino al piccolo borgo marinaro di Stintino, una perla incastonata tra le meraviglie del Mediterraneo. Faremo poi rotta verso nord nell’isola carcere dell’Asinara dove potremo immergerci nei suoi fondali marini praticamente intatti. Qualche miglia più a sud raggiungeremo lo Stagno di Pilo, un’area protetta in cui potremo avvistare i fenicotteri rosa. Tra un tuffo in queste acque cristalline, i piatti della cucina tipica e le pennichelle in questi paradisi naturali, sarà una vacanza che difficilmente scorderai!

** speciale formula SOFT ALL INCLUSIVE – vedi dettagli alla voce “cosa comprende” **

 

TIPOLOGIA BARCA: Barca a vela Superior

DURATA: Settimana

OSPITI: Per tutti

 

Facebook Twitter Email

Difficoltà: Facile
Partenze: 15/07, 22/07, 29/07, 05/08, 12/08, 19/08, 26/08
Durata: 7 giorni e 6 notti, da lunedì mattina a domenica mezzogiorno.
Imbarco/Sbarco: Stintino
Imbarcazione: Barca a vela superior di 14 metri, 3 cabine doppie e 2 bagni
Partecipanti: Barca da 6 persone.
Accompagnatore: A bordo skipper e marinaio. Lo skipper é il comandante della barca nonché esperto dell'itinerario, per motivi di sicurezza le sue decisioni sulla navigazione sono insindacabili. Il marinaio aiuta lo skipper nelle manovre e nella gestione della barca e assieme agli ospiti organizza e collabora alle attività di cucina e di pulizia degli spazi comuni.

Quota individuale: € 1.000 per periodo 15/7-1/9.

Cosa comprende: Sistemazione in cabine doppie, trattamento di pensione completa (colazioni, pranzi e quattro cene), acqua ai pasti, tassa di ingresso al Parco dell’Asinara, set di lenzuola e federa, programma di navigazione, carburante, spese portuali, tender, pulizia finale, assicurazione sanitaria e bagaglio.
Cosa non comprende: Viaggio fino al luogo d’imbarco, due cene, consumazioni al bar, tassa di soggiorno/sbarco ove prevista e quanto non indicato alla voce “Comprende”.

Programma:
Lunedì: ti aspettiamo per l’imbarco a Stintino in mattinata, cambusa e briefing tutti insieme prima della partenza. Siamo pronti per mollare gli ormeggi e dirigerci verso il meravigliosoPasso di Fornelli o della Pelosa, luoghi da favola famosi per le loro acque cristalline. È il momento di regalarci il primo bagno della vacanza circondati da questa bellezza naturale, arricchita dalle numerose torri spagnole caratteristiche della zona che ci riportano dentro la storia di naviganti, pirati e corsari. Ormeggiati alla fonda è tempo di un aperitivo al tramonto prima della cena.
Martedì: tuffo al risveglio , colazione e poi alla scoperta della Cayenna del Mediterraneo, soprannome che l’Asinara, nel tempo, si è dovuta accollare. La nostra prima tappa sarà Fornelli, la parte costiera più a sud dell’isola e zona pianeggiante  dove i cavalli selvaggi e gli asini pascolano indisturbati. Qui si trova anche la struttura del supercarcere protagonista degli anni di piombo,oggi museo. Pranzo rilassante a bordo e via verso le cale del sud dell’Asinara: ci aspettano insenature granitiche con piccole spiagge da sogno, nutrimento per gli occhi ma soprattutto per lo spirito.
Mercoledì: godiamoci una tranquilla colazione in pozzetto rallegrati dal canto degli uccelli e dal rumore del mare. Spieghiamo le vele verso nord dove le rocce scistose e i fondali diPosidonia Oceanica fanno da padrone al paesaggio e contornano un mare azzurro caraibico. In questo paradiso naturale potremmo ammirare la Pinna Nobilis, meraviglioso bivalve gigante da dove in passato si estraeva il bisso, fibra tessile di origine animale, oggi specie protetta. Nel pomeriggio Eolo ci sospinge lungo coste rocciose e splendide insenature fino a Cala Reale, uno dei due approdi dell’isola dotato di servizi. In questa ampia baia potremo emozionarci con un bagno al calar della sera.
Giovedì: è la giornata dedicata a Cala reale, luogo d’importanza storica e naturalistica. E’ stata, infatti un’importante stazione internazionale di cura e testimone della prigionia degli austroungarici nel 15/18 , ci cui conserva memoria il piccolo museo. Cala reale è anche famosa per i cosmetici naturali prodotti nella famosa Farmacia a base di piante locali e latte d’asina e per il centro di recupero e cura della tartarughe marine. Esplorando potrete incontrare insenature meravigliose dove fare un bel bagno rigenerante, prima di rientrare a bordo. Nel pomeriggio spieghiamo le vele verso nord alla volta di una rada dove poter passare la notte.
Venerdì: continuiamo la scoperta delle bellezze dell’Asinara veleggiando verso l’estremo nord dell’isola fino al faro di Punta Scorno. Si tratta di una zona di grande interesse naturalistico e inserita tra le aree di tutela integrale del Parco, ma non solo: importantissimo crocevia per il passaggio dei grandi cetacei che con il sud della Francia e il nord ovest dello stivale, creano il triangolo dei cetacei: uno specchio d’acqua dove ogni anno vengono avvistati i grandi mammiferi nelle loro transumanze. Non è un’impresa facile avvistarli ma non è neanche impossibile! Se le condizioni lo permetteranno è d’obbligo una sosta a Cala del Turco, un piccolo fiordo che offre la possibilità di raggiungere la meravigliosa spiaggia di Cala Sabina con una breve nuotata. Nel pomeriggio gara di tuffi in questo paradiso terrestre o per i più pigri tintarella a prua della barca. Issiamo le vele alla volta di Cala D’Oliva dove passeremo la notte.
Sabato: dolce risveglio a Cala D’oliva, piccolo borgo costruito nel 1700 da un gruppo di pescatori in un contesto di grande fascino: un paese abbracciato dalle colline antistanti che si affaccia sul mare. questa zona divenne poi sito di grande interesse storico dopo la costruzione del famoso penitenziario dell’Asinara. Con il favore del vento proseguiamo la nostra avventura velica: potremo scegliere di partire alla scoperta della parte occidentale dell’Isola oppure puntiamo la prua verso le cale più belle della zona per rituffarsi in questi meravigliosi colori.
Domenica: ormai siamo al epilogo della nostra vacanza… ma il colore e il sapore di questo mare ci resterà felicemente addosso ancora per un po’.
Nota bene: L’imbarco è previsto nella mattinata del giorno di partenza, nel caso tu debba arrivare la sera prima potrai prenotare una notte extra con un supplemento di € 40.

L’itinerario proposto è un’idea di quello che si potrà fare a bordo e durante le escursioni a terra. E’ puramente indicativo e sarà deciso di giorno in giorno dallo skipper. Lo skipper avrà il dovere di prendere decisioni in merito alla navigazione e alla vita a bordo. L’itinerario sarà deciso a bordo e modificabile in qualsiasi momento per motivi di sicurezza, necessità od opportunità.


In aereo: Dall’aeroporto: collegamento diretto fino a Stintino. Orari: http://www.sardabus.it/nur2.html Il servizio sarà attivo dal 1° giugno al 30 settembre, tutti i giorni della settimana, festivi inclusi. Le corse sono 5 di andata e 5 di ritorno. Il tempo di percorrenza è di circa un'ora. La fermata in aeroporto si trova sulla destra, a circa 200 metri dall'uscita. Cliccando su questo link può visualizzare l'ubicazione esatta http://www.sardabus.it/images/fermata_aeroporto.jpg
Il costo del biglietto sulla tratta Aeroporto – Stintino è di 3,70 euro a persona. Nel caso in cui gli orari della linea non coincidano con i tuoi voli in arrivo o in partenza, o se desideri trovare un autista in aeroporto, puoi prenotare un servizio con Sardabus & Sardabus Servizi Srl (mailto:info@sardabus.it Tel. +39 079 510554)

In bus: da aeroporto Alghero e da Porto Torres per Marina di Stintino http://www.marinadistintino.com/index.php?option=com_content&view=article&id=4&Itemid=106&lang=it

In nave: Da Porto Torres pullman ARST percorrenza circa 40 minuti. Orari e info 800865042 oppure sul sito http://www.arstspa.info/727.pdf
Al porto o nei pressi di esso ci sono sia parcheggi gratuiti che custoditi. Info su www.marinadistintino.com