Malta, Gozo e Comino in maxi yacht a vela

Poste al limite estremo tra mondo latino e mondo arabo, attorniate da un’immensa distesa di blu, le isole di Malta sono da sempre terra di navigatori. Non c’è, quindi, modo migliore per visitarle che a bordo di una barca a vela, durante una stagione estiva che si dilata regalando bagni e sole da aprile a ottobre. Malta, Gozo e Comino sono le nuove destinazioni del turismo in barca a vela! Avremo la possibilità di muoverci liberamente tra i tre lembi di terra, scoprirne le spiagge più nascoste e godere di albe e tramonti da favola, come quelli davanti a Dwejra Bay. Non solo mare, le isole sono abitate da tempo immemorabile e quindi ricche di storia e testimonianze: Cartaginesi, Fenici ed Arabi le utilizzarono come base per la navigazione e i Templari, i Cavalieri di Malta, le resero celebri in tutto il mondo.

Facebook Twitter Email

Difficoltà: Facile
Partenze: 27/08, 03/09, 10/09, 17/09, 24/09
Durata: 7 giorni e 6 notti, da domenica mattina a sabato mezzogiorno.
Imbarco/Sbarco: La Valletta.
Imbarcazione: maxi yacht a vela di 15 mt. 4 cabine doppie con bagno privato.
Partecipanti: barca da 8 persone.
Accompagnatore: a bordo skipper. Lo skipper è il comandante dell’imbarcazione, coordina le attività di cucina e cura la pulizia degli spazi comuni. Conosce bene lo specchio di mare, le baie i porti ed è il responsabile della conduzione della barca: per motivi di sicurezza, le sue decisioni relative alla navigazione sono insindacabili.

Quota individuale: € 500 per periodo 28/5-1/7 e 27/8-30/9; € 600 per periodo 2/7-29/7; € 700 per periodo 30/7-26/8 da versare prima della partenza. Spese di equipaggio in loco € 150 a testa.

Cosa comprende: sistemazione in cabine doppie, programma di navigazione, tender, pulizia finale, assicurazione sanitaria e bagaglio.
Cosa non comprende: viaggio fino al luogo d’imbarco, spese di equipaggio, cambusa, carburante, eventuali marine e quanto non indicato alla voce “Comprende”.

Programma:

Domenica: imbarco in mattinata e sistemazione nelle proprie cabine. Briefing sulla vita di bordo e sulla settimana che ci aspetta, poi scendiamo a visitare Mdina, la vecchia capitale dell’isola, o se il richiamo del mare è già forte, usciamo subito a vela a ‘testare’ l’equipaggio fino alla prima cena in allegria!

Lunedì: i più pigri possono dormire qualche ora in più mentre gli altri guadagnano un posto sopra coperta e si gustano la traversata fino a Gozo. Tuffi a volontà a Ramla Bay, vicino alla grotta di Calipso dove la leggenda narra che Ulisse fu trattenuto per 7 anni dalla ninfa tentatrice Calipso. La bellezza del posto ci farà pensare che non dev’essere stata una tortura insopportabile!

Martedì: continuiamo la circumnavigazione di Gozo, verso la nostra meraviglia del giorno: Dwejra Bay. Due imponenti scogli di pietra congiunti da una parete di roccia segnalano, come un antico totem, l’ingresso ad una meravigliosa baia circolare, un paesaggio aspro e molto affascinante che ci trasporta in un altro mondo. Sfoderiamo maschera e pinne e ci lasciamo ammaliare dalla Blue Window e dall’abissale Blue Hole. Per la sera possiamo far visita al piccolo paese di pescatori per una cena a base di pesce freschissimo.

Mercoledì: Comino ci aspetta e non ci lasceremo sfuggire un bagno di rito nella famosa Laguna Blu, una spettacolare insenatura dalla finissima sabbia bianca che deve il suo nome alla miriade di sfumature di azzurro delle sue acque: è sicuramente la spiaggia più bella dell’arcipelago. Cena e chiacchiere al chiaro di luna e che ne dite di un bagno a mezzanotte?

Giovedì: bordeggiamo lungo le coste frastagliate di Malta fino a raggiungere Popeye’s Village. Pranzo a bordo e relax, poi nel pomeriggio riprendiamo la navigazione alla volta di Paradise Bay, e il nome dice tutto! Immergiamoci quindi in questo paradiso e trastulliamoci fino alle prime luci del tramonto. Per la cena c’è solo imbarazzo della scelta, così come per chi ha voglia di tirar tardi in uno dei tanti locali della costa.

Venerdì: visita a Cominotto, la sorella minore dell’isola di Comino, magari divertendoci a percorrere a nuoto il brevissimo tratto di mare che le divide: la profondità del mare spesso non supera i 3 metri. Pranzo in allegria e quando tutti avranno fatto il pieno di cibo, sole e bagni iniziamo il rientro per l’ultima lunga notte, magari nella frizzante vita notturna di Paceville.

Sabato: Eolo ci spinge nell’ultima corsa e ci saluta con un vento morbido e caldo. È tempo di dare l’arrivederci a questa terra magica.

L’itinerario è da considerarsi di massima: un’idea di quello che avverrà a bordo e durante le escursioni a terra. Lo skipper avrà il dovere di prendere decisioni in merito alla navigazione e alla vita di bordo; questo per motivi di sicurezza, necessità e previsioni meteo.