Arcipelago Toscano in barca a vela

Si narra che la Venere del Tirreno, al momento di emergere dalle acque del nostro mare per abbracciare l’orizzonte lasciò sfuggire sette perle dalla collana che adornava il suo collo le quali caddero in mare trasformandosi nelle Isole dell’Arcipelago Toscano. Questo è formato da 7 isole: Gorgona, Capraia, Elba, Pianosa, Montecristo, Giglio e Giannutri.
Ogni isola si differenzia dall’altra. Ognuna ha una storia, una leggenda, che affascina ed incanta. I periodi passati “saltellando” da un’isola all’altra, sono indimenticabili proprio per la diversità che le lega in un parco nazionale che cerca di valorizzare ancora di più il paesaggio, la magia di questi luoghi.

Facebook Twitter Email

Difficoltà: Facile
Partenze: 28/08, 04/09, 11/09, 18/09, 25/09
Durata: 7 giorni e 6 notti, da lunedì mattina a domenica mezzogiorno.
Imbarco/Sbarco: Talamone o porti limitrofi sulla costa toscana.
Imbarcazione: sloop di 11-13 mt. Cabine doppie con bagni a bordo.
Partecipanti: barche da 6 persone.
Accompagnatore: a bordo skipper. Lo skipper è il comandante dell’imbarcazione, coordina le attività di cucina e cura la pulizia degli spazi comuni. Conosce bene lo specchio di mare, le baie i porti ed è il responsabile della conduzione della barca: per motivi di sicurezza, le sue decisioni relative alla navigazione sono insindacabili.

Quota individuale: € 450 per periodo 29/5-2/7 e 28/8-1/10; € 510 per periodo 3/7-30/7; € 580 per periodo 31/7-27/8 da versare prima della partenza. Spese di equipaggio in loco euro 150 a testa.

Cosa comprende: sistemazione in cabine doppie, programma di navigazione, tender, pulizia finale, assicurazione sanitaria e bagaglio.
Cosa non comprende: viaggio fino al luogo d’imbarco, spese di equipaggio, cambusa, carburante, eventuali marine e quanto non indicato alla voce “Comprende”.

Programma:
  • Lunedì: imbarco in mattinata sulla costa toscana. Facciamo una breve puntata a terra per fare cambusa e poi, con il costume già addosso, ci apprestiamo alla prima navigazione a vela facendo rotta sull’Isola di Giannutri. Primo bagno nelle acque cristalline della splendida Cala Spalmatoi, serata in rada con aperitivo al tramonto e cena a bordo.
  • Martedì: dopo un bel bagno, veleggeremo verso una delle famose spiagge dell’isola di Giglio, l’accogliente Baia delle Cannelle conosciuta per i colori cristallini delle sue acque. Se abbiamo portato con noi le scarpe da trekking ci faremo sicuramente tentare dagli affascinanti sentieri dall’Isola del Giglio, dov’è possibile ritrovarsi immersi nella quiete e solitudine anche a ferragosto. La sera ci aspetta il ristorantino sulla spiaggia a base di pesce.
  • Mercoledì: dopo colazione rotta verso l’Isola d’Elba. Chi conosce Terranera, Barbarossa, Mola o Naregno? Le spiagge più particolari di questo tratto di costa ci attendono per un pomeriggio di mare tra le bellezze naturalistiche del Golfo della Mola e di Capoliveri. La sera ci aspettano i vicoli caratteristici di Porto Azzurro, per fare due passi in un atmosfera sospesa e rilassata.
  • Giovedì: questa mattina ci alterniamo ai comandi della barca, tra bordi e strambate raggiungiamo il lato nord dell’Elba. Se abbiamo voglia di sgranchire le gambe possiamo provare uno dei sentieri che conducono al Monte Capanne o al santuario della Madonna del Monte, tra boschi di pini e castagni secolari. A poca distanza si trova il “trono di Napoleone” da dove la leggenda vuole che l’imperatore fosse solito scrutare l’orizzonte alla ricerca di navi nemiche. Serata di festeggiamenti nei locali del centro di Portoferraio o Marciana Marina, magari degustando le specialità locali come lo stoccafisso alla riese, il gurguglione o gli zerri fritti ed un buon bicchiere d’Elba bianco.
  • Venerdì: dopo un bel bagno nelle acque limpidissime del golfo di viticcio torniamo a navigare lunghe le Coste dell’Elba, lasciando sfilare le splendide spiagge di Biodola e Procchio. Per pranzo scegliamo Fetovaia o una della altre baie per un po’ di relax e nel pomeriggio raggiungiamo il Golfo di Marina di Campo, il cui centro merita sicuramente una visita.
  • Sabato: ci attende una tranquilla veleggiata verso la spiaggia di Lacona o Stella, le più famose e apprezzate dell’isola d’Elba. Tuffi e relax a volontà prima di mettere la prua della barca in direzione dell’isola di Giglio per passare una bella serata nella rada di Campese assaporando la superba paella di Toni sulla spiaggia e concludendo con chiacchiere e danze in coperta.
  • Domenica: rientriamo al porto d’imbarco per lo sbarco entro le 12.00. meteo.